Su questo sito usiamo i cookies. Chiudendo questo messaggio si presta il consenso all'uso dei cookie.
Toolbar
  • Layout
    Linear Layout
    Grid Layout

2017

Have 7 items

Lunedì, 30 Ottobre 2017 17:04

CASA ALE E FRA

PROGETTO: CASA ALE E FRA
ID: LSS FRC 10L17 XXL74
TIPOLOGIA: PRIVATA
COMMITTENTi: ALE E FRA
LUOGO: ROMA
COLLABORAZIONI: ---
SUPERFICIE: 220 MQ
PROGETTAZIONE: 2016
ESECUZIONE: 2016/2017
WEB CATEGORIES: XXL INTERIORS
TESTO: Una coppia di clienti visionari ed illuminati, tornati a vivere a Roma dopo una lunga esperienza milanese, che ha voluto realizzare la loro nuova residenza ispirandosi alla cultura giapponese ed alla sua razionale essenzialità. Questa ristrutturazione è il risultato di un’attenta rielaborazione delle influenze orientali più pure e compiute conosciute nei numerosi viaggi fatti dalla committenza. Il rapporto interno esterno dell’appartamento è stato annullato attraverso la realizzazione di nuove aperture e l’innalzamento della quota del giardino che, precedentemente, risultava isolato e non sfruttabile. All’interno i vani sono stati tagliati con estrema precisione, incidendo gli spazi con metodo ed ottimizzazione.
Pubblicato in XXL INTERIORS
Giovedì, 26 Ottobre 2017 12:31

AGOSTO-SETTEMBRE 1967

Questa cronaca è dedicata a un grande architetto: un professionista concreto che mirava a trasformare i sogni disegnati sulla carta in “oggetti duri come la pietra”. Dovendo racchiudere in una sola parola tutta la sua produzione architettonica quella è senza dubbio “essenzialità”; la stessa che ritroviamo sia negli impianti generali sia nel disegno dei dettagli e nella scelta dei materiali curati fin nei minimi particolari.
Se avevi la fortuna di seguire i suoi corsi di Progettazione a Valle Giulia, restavi ammaliato da quella pragmaticita' tipica dei maestri che si realizzano solo con “il fare”; ogni suo bellissimo disegno era un mezzo per indagare lo spazio, la componente materica e il dettaglio.
Ascoltandolo si riusciva a percepire quel rigore capace di indirizzare verso quell’essenzialità che si otteneva sacrificando e sottraendo piuttosto che aggiungendo ed enfatizzando.
L'opera, tra le tante, che illumina e ci aiuta a capire il suo mondo è la palazzina costruita a Roma in Via dei Colli della Farnesina; in un periodo in cui si realizzarono a Roma migliaia di palazzine, Lui riuscì a metterne a punto un suo personale tipo.
Ci riuscì costruendo un telaio strutturale composto da pilastri secondari a “C” e da pilastri a “T” capaci di sostenere alte travi lunghe 30 metri, che segnavano, a destra e a sinistra del nocciolo centrale di collegamento verticale, due fasce libere per lo spazio giorno e lo spazio notte. All’essenzialità di questa struttura si contrapponeva la ricchezza dello spazio interno che, liberato dalla struttura, appariva fluido e dinamico. Dopo averlo studiato a lungo sulla carta, un paio di anni fa sono riuscito a entrare in uno di questi alloggi e sono rimasto a bocca aperta………Francesco Berarducci era riuscito a concepire una “villa urbana” dove molti altri avrebbero concepito solo banali appartamenti.
Berarducci lo avevo scelto come relatore della mia tesi di laurea; morì, nel 1992, qualche mese prima della discussione……….
Pubblicato in XXL CHRONICLES
Mercoledì, 25 Ottobre 2017 16:41

FLP-55

CODE: FLP-55

Pubblicato in XXL FLIPPER
Venerdì, 20 Ottobre 2017 17:31

AMO IL CINEMA

PROGETTO: RECUPERI ”amo” IL CINEMA
ID: CNM PNL 06G16 XXL75
TIPOLOGIA: CONCORSO DI IDEE
COMMITTENTE: COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE
LUOGO: PIEVE A NIEVOLE
COLLABORAZIONI:
SUPERFICIE: 400 MQ
PROGETTAZIONE: 2016 
ESECUZIONE: ---------      
WEB CATEGORIES: XXL ARCHITECTURE  
TESTO: un recupero di un vecchio teatro abbandonato, con una operazione di svuotamento del suo interno e successiva rivitalizzazione, attraverso la creazione di una sala polivalente, di una biblioteca e di una zona uffici
Pubblicato in XXL ARCHITECTURE
Giovedì, 12 Ottobre 2017 18:10

GIUGNO-LUGLIO 1967

L’esercizio di leggere contemporaneamente le riviste di architettura attuali e “l’Architettura- Cronaca e Storia” di 50 anni fa, è talmente interessante che andrebbe reso obbligatorio come credito formativo: ogni mese nella rivista di Zevi ritroviamo argomentazioni, rimandi e rimbalzi che, come per magia, si implementano nelle riviste attuali.
Tutto ritorna; tesi progettuali, ricerche architettoniche o semplici suggestioni le ritroviamo a distanza di cinquant’anni e ci sembrano le stesse; a volte si trasmettono in maniera inconsapevole a volte si tramettono con volontà.
Leggere il passato vuol dire conoscere ciò che è stato pensato, disegnato e realizzato da professionisti che, seppur lavorando in altre epoche e con altre tecnologie, hanno, prima di noi, affrontato tematiche comuni. La conoscenza di ciò che è stato prodotto nel tempo deve o dovrebbe, anche inconsapevolmente, aiutare la produzione architettonica odierna.
Un gioco che faccio sempre, rileggendo la rivista, è cercare delle assonanze, fossero anche solo planimetriche, con progetti che vedo realizzare ai giorni nostri.
Nel numero di giugno 1967 trovo pubblicata la biblioteca di Clamart opera del gruppo di lavoro capeggiato da Jean Renaudie; questa piccolo gioiello architettonico, in forte contrasto con il resto della produzione dell’architetto francese basata su un’ossessiva ricerca geometrica legata agli angoli acuti, era costituito da una serie di volumi cilindrici di differente altezza, che affiancati determinavano un volume sfuggevole, accogliente e dinamico.
Quest’anno a Pieve di Cento è stata ultimata la Casa della Musica, opera dello studio MCA di Mario Cucinella; il progetto del bravo architetto, ex allievo di Renzo Piano, sembra essere generato, almeno a livello planimetrico, dalla stessa mano. Mi piace pensare che, inconsapevolmente, il progetto di Cucinella sia il frutto generato da quel piccolo seme che volato da Clamart è atterrato a Pieve di Cento per germogliare……..sono un sognatore?
Architetto Arcangelo DI CESARE
Pubblicato in XXL CHRONICLES
Mercoledì, 04 Ottobre 2017 17:36

SOTTOSUOLO

CODE: SKT 41

Pubblicato in XXL SKETCHES
Mercoledì, 04 Ottobre 2017 17:21

FLP-54

CODE. FLP-54

Pubblicato in XXL FLIPPER

Vuoi rimanere in contatto con noi? Seguici ora su...