Su questo sito usiamo i cookies. Chiudendo questo messaggio si presta il consenso all'uso dei cookie.
Toolbar

2017

3 items

L’esercizio di leggere contemporaneamente le riviste di architettura attuali e “l’Architettura- Cronaca e Storia” di 50 anni fa, è talmente interessante che andrebbe reso obbligatorio come credito formativo: ogni mese nella rivista di Zevi ritroviamo argomentazioni, rimandi e rimbalzi che, come per magia, si implementano nelle riviste attuali. Tutto ritorna; tesi progettuali, ricerche architettoniche o semplici suggestioni le ritroviamo a distanza di cinquant’anni e ci sembrano le stesse; a volte si trasmettono in maniera inconsapevole a volte si tramettono con volontà. Leggere il passato vuol dire conoscere ciò che è stato pensato, disegnato e realizzato da professionisti che, seppur lavorando in altre epoche e con altre tecnologie, hanno, prima di noi, affrontato tematiche comuni. La conoscenza di ciò che è stato prodotto nel tempo deve o dovrebbe, anche inconsapevolmente, aiutare la produzione architettonica odierna. Un gioco che faccio sempre, rileggendo la rivista, è cercare delle assonanze, fossero anche solo planimetriche, con progetti che vedo realizzare ai giorni nostri. Nel numero di giugno 1967 trovo pubblicata la biblioteca di Clamart opera del gruppo di lavoro capeggiato da Jean Renaudie; questa piccolo gioiello architettonico, in forte contrasto con il resto della produzione dell’architetto francese basata su un’ossessiva ricerca geometrica legata agli angoli acuti, era costituito da una serie di volumi cilindrici di differente altezza, che affiancati determinavano un volume sfuggevole, accogliente e dinamico. Quest’anno a Pieve di Cento è stata ultimata la Casa della Musica, opera dello studio MCA di Mario Cucinella; il progetto del bravo architetto, ex allievo di Renzo Piano, sembra essere generato, almeno a livello planimetrico, dalla stessa mano. Mi piace pensare che, inconsapevolmente, il progetto di Cucinella sia il frutto generato da quel piccolo seme che volato da Clamart è atterrato a Pieve di Cento per germogliare……..sono un sognatore? Architetto Arcangelo DI CESARE www.xxl-architetture.com

Chi leggeva abitualmente la rivista conosceva ampiamente le opere di questo studio; ogni loro costruzione era seguita e divulgata con una regolarità impressionante. Non erano delle archistar, anche se avevano appena edificato quello che oggi può considerarsi il loro capolavoro: il blocco vitreo, sospeso e rarefatto costruito nel cuore di Roma. Nelle nuove opere presentate il linguaggio non ha quell’incisività e quella forza che aveva contraddistinto l’opera principale, ma in loro si poteva individuare quella correttezza capace di respingere sistemanticamente la moda e l’arbitrio, a favore di una ricerca funzionale e distributiva pronta ad accogliere notevoli connotazioni inventive ed estetiche. Da loro, forse, potevi non aspettarti soluzioni estreme o voli pindarici ma potevi essere certo di una qualità essenziale superiore alla media. Il loro lavoro mi ha sempre dato l’impressione di essere frutto di un procedimento sistematico capace di governare ogni singolo aspetto della progettazione e di verificarlo quotidianamente in ogni fase, dall’incarico al collaudo. Nelle loro opere si continua ad avvertire quella ricerca aperta verso la problematica formale senza cedere all’esasperazione formalistica: cercare qualcosa che esca dai limiti dell’”architettonicamente corretto” nella loro produzione è ancora oggi una sfida difficile. Se dobbiamo trovare una parola “capace” di connotare le loro opere possiamo rintracciarla in “esatta”. Quell’esattezza che permetteva loro di eseguire delle costruzioni sostenibili economicamente e impeccabili dal punto di vista tecnologico. Senza punti esclamativi, senza forzature stilistiche, aggregando e riconducendo subito a un comune denominatore linguistico, queste opere continuano a darci una traccia utile, solida, la cui spregiudicatezza sta forse nella serietà. Lo studio è quello di Vincenzo, Fausto e Lucio Passarelli.

Una storia lunga cinquanta anni. A volte rileggendo la rivista si riscoprono, si rintrecciano e si sommano situazioni, avvenimenti e ricordi. Nel fascicolo di Aprile 1967 è presentato, nella rubrica dedicata ai monumenti della storia dell’architettura, il rilievo di San Giorgio al Velabro; questa chiesa, di antichissima origine, è collocabile tra quella serie di chiese che segnarono il primo affermarsi architettonico del cristianesimo dopo l’uscita dalle catacombe. Edificata su resti di antichità romane la chiesa ebbe un lungo periodo di decadenza e abbandono culminato con la disastrosa alluvione del 1846. In seguito, nel 1924, fu chiusa al culto; questo provvedimento dette inizio al restauro del Munoz che ne ricostruì l’immagine perduta. Sarà questa la situazione che si trovarono di fronte i quattro studenti di architettura che ne dovevano curare il rilievo: i quattro giovani erano Piero Donin, Franco Zagari, Adachiara Zevi e Paolo Rossi. I primi tre li ritroveremo, più avanti, professori a Valle Giulia mentre il quarto no. Paolo Rossi aveva diciannove anni e voleva fare l’architetto, non ci riuscì trovando la morte sulle scale della facoltà di Lettere il 27 aprile del 1966 colpito da un pugno di ferro che lo fece crollare a terra. La sua agonia durerà quindici ore durante le quali non riprese mai coscienza. Il suo sacrificio servì per provocare una vigorosa risposta delle forze democratiche all’interno dell’università ma non riuscì a far emergere le verità su quell’assurda morte. Per uno strano caso del destino quella stessa chiesa fu teatro, nel 1993, di un attentato, commesso con un’autobomba carica con 100 kg di tritolo; la macchina, parcheggiata nei pressi della facciata, causò il crollo quasi totale del portico antistante. L’attentato sarà addebitato a Cosa Nostra come intimidazione nei confronti dello Stato. Se uno si ferma a pensarci comprende che l’architettura è, anche, quel filo conduttore che collega gli avvenimenti della nostra storia e che determina i nostri destini.

2013

6 items

#PRESSTLETTER#CRONACHE E STORIA – NOVEMBRE 1963 Nel 1963 “Le mani sulla città” di Francesco Rosi vinse il Leone d'oro alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia battendo il capolavoro di Federico Fellini, “Otto e mezzo”. “L'architettura cronache e storia” non poteva esimersi dal sottolineare questo film capace, per la prima volta, di trasporre in immagini il tema della speculazione edilizia e più in generale di fornire un desolante quadro dell'Italia. L'opera diede corpo e linguaggio cinematografico a quelle radici politiche e a quelle implicazioni sociologiche che rendevano l'urbanistica, l’aspetto più sinistro della realtà italiana. Nel film si possono rileggere, con una paurosa precisione, gli avvenimenti che si sono succeduti negli ultimi cinquanta anni nel nostro paese: la speculazione edilizia, i conflitti di interesse tra pubblico e privato e la lotta per il potere. Negli anni '60, complice le attese dettate dal Miracolo Economico, la speculazione riusciva a trasformare un terreno agricolo in un'area edificabile con profitti del 5000%, nella logica del "Tutto guadagno, nessun rischio". Ancora oggi ne paghiamo le conseguenze……. Negli anni '90 i conflitti di interessi tra cosa pubblica e privata dimostrarono, attraverso l'inchiesta Mani Pulite, che non erano più le singole persone ad essere corrotte ma l'intero sistema politico italiano. Ancora oggi quello che ci sembrava il fondo era solo la punta……. In questi ultimi anni la battaglia per il potere è stata capace di ogni compromesso, di ogni becera alleanza e di una convergenza verso l'unica certezza: la poltrona del comando. Oggi abbiamo perso quella minima affidabilità che ci era rimasta in dote……. Il film di Rosi resta, comunque, di grande attualità perché riuscì a trattare in maniera originale quel perverso rapporto tra politica e moralità, tra partiti e deliri di onnipotenza, tra benessere di pochi e stanchezza di molti. #PRESSTLETTER#CRONACHE E STORIA – DICEMBRE 1963 La presentazione dell’Istituto Scolastico Privato Massimo all’E.U.R. opera degli Architetti Rebecchini, Lafuente, Lenti, Sterbini e dei F.lli Passarelli, fu il pretesto per aprire un dibattito tra la scuola privata e la scuola pubblica. Negli anni ’60 era forte la volontà che le scuole statali potessero contare su una serietà di impostazione edilizia, su una disponibilità di aree e su un programma economico pari a quelli di Istituti come il “Massimo”. Nella realtà una serie di lungaggini burocratiche, una scarsa organicità degli interventi e lo scarso interesse che la società Italiana poneva alla risoluzione dei problemi scolastici, suonava come un cattivo presagio. Nel 1964 furono, però varate alcuni leggi che fecero decollare l’edilizia scolastica. In questo scenario le scuole progettate dall’Architetto Luigi Pellegrin generarono lo stesso effetto che si può provare oggi quando passi dalla musica di Albano a quella dei Pink Floyd. Lui cambiò il modo di vedere la scuola all’interno della città: essa doveva diventarne parte integrante, una sorte di condensatore sociale creato in spazi mai banali. Per far questo abbandonò le raffinatezze Wrightiane e abbracciò la sperimentazione e la prefabbricazione; costruì 300 scuole, modellò 300 spazi e diede 300 risposte differenti ai temi posti dallo sviluppo dell’edilizia scolastica. Lo fece nella speranza che studiando in quei luoghi saremmo cresciuti meglio di quelli che erano costretti a studiare nelle “scatole” che parallelamente si costruivano in Italia. Come al solito riuscì a capire tutto in anticipo dicendo che il grado di civiltà di un paese si vede dal livello delle scuole. Alla scuola elementare di mio figlio, dopo la risma di fogli A4 e il toner per stampare, mi hanno chiesto anche il contributo per comprare direttamente la macchina fotocopiatrice…….

#PRESSTLETTER#CRONACHE E STORIA – SETTEMBRE 1963 Il fascicolo n.95 della rivista, uscito nel settembre del 1963, fu un numero storico dedicato al maestro dell’Espressionismo Tedesco: Erich  Figura più ammirata che compresa, restò isolato sia dal punto di vista umano che professionale. Pur essendo tra gli architetti di maggior successo operanti in Germania, restò fuori sia dal Bauhaus sia dalla “Weissenhofsiedlug” di Stoccarda, preferendo ricerche espressive personali. Ed è in questo contesto che riuscì a completare opere eretiche e rivoluzionarie rispetto a ogni convenzione lessicale e sintattica di quel periodo. L’Einsteinturm a Potsdam è l’opera che, più di altre, sintetizzò la sua immensa capacità espressiva: Il monumento, eretto nel 1920, divenne il simbolo di un mondo nuovo. Ancora oggi, dopo quasi cento anni, non ha perso la sua incisività: il volume fluido, le superfici vibranti e la plasticità della materia lo fanno apparire più vivo di tante architetture che ci circondano. Ma è dal punto di vista umano che ci arriva la lezione migliore di Mendelsohn; anche se di carattere apparentemente arrogante e impaziente era capace di slanci affettuosi e grandi lezioni. Come quella volta che, di fronte ad una classe di laureandi americani, disse: “Molti di voi hanno un talento di gran lunga superiore al mio, ma pochi esprimeranno tutta la loro potenzialità, perché impareranno presto il compromesso e sceglieranno qualcosa di meno del meglio di cui sono capaci.” Ecco. Oggi forse dovremmo fare meno compromessi ed essere più noi stessi.   #PRESSTLETTER#CRONACHE E STORIA – OTTOBRE 1963  Nel 1959, nel presentare l’opera dell’architetto milanese Giulio Minoletti, Gio Ponti usava una sequenza di aggettivi quali: “Gaio, ottimista, semplice, affascinante, appassionato, generoso e coraggioso, un lavoratore rapido, franco, conclusivo e positivo”. E devo dire grazie alla rivista, e a questa particolare presentazione, se sono venuto a conoscenza del lavoro di Minoletti, architetto estremamente dotato, capace di coniugare una competenza tecnologica elevata, una operosità versatile e una manifestazione di gusto particolarmente raffinato. La sua poliedrica attività spaziò con una continuità impressionante dall'urbanistica all'architettura fino all'industrial design, lavorando indifferentemente con Pagano per la “Milano Verde”, con la Breda per l’ETR 300 o come “internista” nelle navi italiane quali l’Andrea Doria e la Cristoforo Colombo. Tra le altre, sono due le opere che hanno catturato la mia curiosità: la casa per uno scapolo a Varenna sul lago di Como del 1941 e la mensa Pirelli alla Bicocca del 1956 inopportunamente demolita nel 1988. Nella casa dello scapolo la difficile e incantevole posizione orografica divenne il tramite per realizzare un fantastico scrigno, mutevole e ad assetto variabile. All’interno, grazie a semplici accorgimenti e nonostante l’esiguità degli spazi, si potevano svolgere le azioni abitative più disparate; al tempo stesso la dimensione raccolta di questa piccola casa si riscattava nella visuale aperta verso il lago e nell’apertura verso il giardino. Gli speroni con i mosaici rossi che affondano nell’acqua, le esili e leggere pensiline, il trampolino a sbalzo per l’approdo dal lago e il grande muraglione che contiene la strada completano questa piccolo capolavoro. La seconda opera è la mensa per gli impiegati della Pirelli alla Bicocca di Milano. Minoletti riuscì a soddisfare il complicato programma funzionale (1600 persone che dovevano pranzare in due turni di 40 minuti con un intervallo di solo 10 minuti) qualificando lo spazio attraverso pregnanti preoccupazioni psicologiche verso i fruitori della mensa. Costruì un grande ambiente da 800 posti e lo coprì con una capriata in ferro invertita, in modo che il profilo sagomato della copertura orientasse lo spazio verso l’altezza massima della parte vetrata. Quest’ultima, rivolta in favore della luce naturale e di un fondale verde cinto da un muro, diventava una scenografia che, oltre a nascondere la vista della fabbrica qualificava lo spazio interno. Nella bella stagione la parte bassa dell’infisso, azionata elettronicamente, poteva scomparire verso il basso creando la piacevole condizione di mangiare all’aperto a contatto con l’esterno. L’ingresso alla sala, invece, avveniva attraverso un’avvincente sequenza spaziale che ne preparava la scoperta; l’improvvisa visione dell’enorme sala avveniva, dopo aver girato di 90 gradi intorno ad un grande setto nero, il “drappo” scenico, che fungeva da atrio.     Questa architettura testimonia le peculiari doti di questo professionista, sempre disponibile a dare risposte unitarie ai problemi culturali e tecnologici di una società in pieno progresso. La sua opera ha attraversato e, silenziosamente segnato, quell’”età dell’oro” dell’architettura Italiana che ancora oggi è oggetto di studi e ricerche. Ad occhi attenti di studiosi e architetti queste opere offrono ancora oggi una dote preziosa e infinita di stimoli; il motivo di quest’attenzione lo dobbiamo ricondurre ad un modo di concepire il mestiere di architetto negli anni 60, figure in grado di conciliare professione e ricerca, facendo emergere magnificamente la questione dello stile…..Questa architettura è stata demolita nel 1998……

#PRESSTLETTER#CRONACHE E STORIA – LUGLIO 1963

CRONACHE E STORIA – MAGGIO 1963

CRONACHE E STORIA – MARZO 1963

CRONACHE E STORIA – FEBBRAIO 1963

2012

4 items

CRONACHE E STORIA – SETTEMBRE-OTTOBRE 1962

CRONACHE E STORIA – GIUGNO-LUGLIO 1962

CRONACHE E STORIA-APRILE 1962

CRONACHE E STORIA-FEBBRAIO 1962

2011

1 item

CRONACHE E STORIA-OTTOBRE 1961

Chi siamo

Chi Siamo

XXL Architetture è stato fondato nel settembre
del 2003 ed attualmente ne fanno parte
gli architetti Germano Franciosi (1976)
ed Arcangelo di Cesare (1966).

Contatti

Mail Us
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Germano Franciosi
+39.338.3324939
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Arcangelo Di Cesare
+39.347.1956759
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lo studio

lo studio 1

Location
Via Simone Mosca, 15
00168 - Roma - Italy
mappa

Vuoi rimanere in contatto con noi? Seguici ora su...